TZ Dreame - шаблон joomla Форекс
I 10 indizi per smascherare un bugiardo

I 10 indizi per smascherare un bugiardo

30th October 2015 // Portfolio

A scuola, a lavoro, col partner… Per un motivo o per l’altro, la “bugia” fa parte del nostro quotidiano. Ecco alcuni modi per capire se chi ci sta di fronte sta dicendo la verità.

Che le persone mentano è un dato di fatto; non è altrettanto scontato che riescano a farlo senza essere scoperte.

 Sono stati condotti numerosi studi scientifici sulle “bugie”, non tanto per fornire alle donne un’arma contro i mariti fedigrafi, ma, piuttosto, per smascherare i bugiardi in corso di indagini investigative, nelle truffe, nelle frodi assicurative e così via. Ciò non ci impedisce di usare le stesse tecniche nella vita di tutti i giorni. Vediamo come.

Lo sguardo

Un bugiardo (almeno non uno di professione) non vi guarderà mai dritto negli occhi mentre vi sta mentendo: “gli occhi sono lo specchio dell’anima” e lui lo sa bene !

Rispondere con ritardo

Chi sta mentendo a volte ha bisogno di “prendere tempo” per inventarsi una storiella, per questo motivo tende a ripetere la domanda che gli è stata posta o parla più lentamente del solito.

Un finto sorriso

Il ridere o il sorridere in maniera spontanea comporta il coinvolgimento dei muscoli di tutto il viso; chi sta, invece, simulando un sorriso tende a concentrare la sua attenzione soltanto sul movimento delle labbra.

Troppi dettagli

Chi sa di mentire tende a fornire tanti dettagli non richiesti, pensando, in questo modo, di rendere la sua storia più credibile.

Le microespressioni

Le microespressioni sono delle espressioni del viso che durano circa un 25mo di secondo.  Un mezzo sorriso, un sopracciglio aggrottato o uno sguardo carico d’ansia e non sono altro che la manifestazione corporea di un’emozione che il bugiardo tenta in ogni modo di nascondere.

I piedi

Il bugiardo non vede l’ora di scappare, quindi,i suoi piedi saranno quasi sicuramente indirizzati verso una via d’uscita.

L’uso delle frasi fatte

Chi teme di non esser creduto tende a usare più del normale frasi fatte finalizzate a rafforzare il suo discorso, come “a dir la verità”, “in tutta onestà”, “a esser sincero”, e così via.

Reazioni corporee

L’ansia, la tensione possono portare chi mente a sudare di più, a battere le palpebre più frequentemente, a irrigidirsi, a portarsi le mani sul viso quasi a coprirlo...

Essere sulla difensiva

Chi è in buona fede, qualora venga messa in discussione la sua innocenza, tende, solitamente, a offendersi; al contrario, chi sta mentendo ha un atteggiamento più aggressivo e arriva, spesso, ad attaccare il suo interlocutore.

Schiarirsi la gola

Perché quando parliamo con un amico non ne sentiamo il bisogno e, invece, ci è quasi indispensabile quando, ad esempio, dobbiamo parlare in pubblico? Lo stesso vale per i bugiardi cronici! E’, infatti, dimostrato che lo schiarirsi la gola non è solo un fatto di voce, ma un chiaro segno di stress.

 

copertina bugie

 

M.M.